Logo sezione Uffici Uffici

Verso la Famiglia

Oggi è difficile parlare della famiglia perché ci troviamo di fronte a una pluralità di modelli di famiglia (allargata, coniugale, genitoriale, monogenitoriale, binucleare, ricostituita, costituita da un solo membro).

Inoltre non esistono politiche familiari organiche che prevedano interventi a sostegno e promozione delle famiglie, e questo nonostante l’importante funzione svolta dalla famiglia stessa nella società. - E’ ormai ampiamente riconosciuto che l’Italia si colloca tra i paesi dell’Unione Europea con una politica familiare obsoleta e settoriale.

La famiglia, infatti, può favorire o sfavorire i suoi componenti in tantissime opportunità che normalmente si presentano nella vita di una persona, quali ad esempio la salute, la sicurezza personale, i percorsi formativi, la prevenzione o la cura a fronte di situazioni di difficoltà, la ricerca del lavoro, la funzione educativa nei confronti dei figli e dunque delle future generazioni.

Esistono segnali preoccupanti che documentano il disagio che oggi sta vivendo la famiglia sia in Italia che in Trentino, la drastica riduzione della natalità, che secondo le ultime rilevazioni ISTAT si attesta in Italia a livello di 1,26 figli per donna, la fragilità della “coppia” ( sempre più sola ) con conseguente aumento delle disgregazioni familiari (separazioni e divorzi).

Inoltre oggi le famiglie rischiano di vivere in situazione di povertà nella misura in cui altri soggetti ( ad esempio i mass media), oppure eventi e messaggi ideologico-culturali ne sminuiscono il compito educatore, ne impediscono o attenuano la possibilità di sviluppare le proprie risorse sul piano educativo, sul piano della trasmissione dei valori e su quello della qualità delle relazioni con i propri figli.

Si tratta di una povertà che si riflette anche sulla comunità quando le famiglie non possono far fronte alle loro responsabilità educative.

E’ estremamente importante stipulare un patto di alleanza con le famiglie, facendo leva da una parte sulle risorse che la famiglia può mettere in gioco per diventare soggetto protagonista, e dall’altra creando un clima sia culturale che politico nel quale le famiglie stesse siano valorizzate e possano acquisire realmente diritto di cittadinanza nella comunità.

In Trentino il “Sistema Istituzionale” ha avvertito la drammaticità dell’emergenza famiglia e con deliberazione n. 249 di data 6 febbraio 2004 la Giunta della Provincia autonoma di Trento ha definito un Atto d’indirizzo sulle politiche familiari.

La Provincia autonoma di Trento ritiene fondamentale porre al centro delle proprie politiche la famiglia, soggetto di diritto attivo e propositivo, coinvolgendo tutte le risorse attivabili sul territorio per superare la vecchia logica assistenzialistica nei diversi settori d’intervento (casa, assistenza, servizi, tempo libero, lavoro, trasporti ecc).

Nel concreto si tratta di individuare tutti quei percorsi di promozione che, coerentemente con l’impianto valoriale di riferimento, possano essere immediatamente attuati tramite semplici atti amministrativi, mutuando e capitalizzando le esperienze già effettuate in altre realtà territoriali sia a livello nazionale che sovra-nazionale.

  • Twitter feed loading...