Logo sezione Albo Albo

Atti di concessione

Data di aggiornamento: 01/04/2014 alle 03:01

Pubblicazione sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici

Misure di trasparenza dell’attività amministrativa e condizioni legali di efficacia degli atti. Amministrazione aperta

La LP 23/1992 disciplina i “Principi per la democratizzazione, la semplificazione e la partecipazione all'azione amministrativa provinciale e detta le norme in materia di procedimento amministrativo”.

Il nuovo articolo 31-bis dispone, in materia di Amministrazione Aperta, che i comuni e le comunità applichino quanto previsto per i comuni dalla normativa regionale e con decorrenza 1° gennaio 2014.

Il Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83 (cosiddetto "Decreto Sviluppo") indica le “Misure urgenti per la crescita del Paese” e, in relazione alle azioni per la trasparenza nella Pubblica Amministrazione, all’art.18 ne declina l’operatività.

La Regione ne ha recepito i principi nell’art. 7 (Misure di Trasparenza) della LR 13 dicembre 2012, n.8.

Secondo quando previsto all’art. 7 comma 4, la pubblicazione costituisce condizione legale di efficacia dei provvedimenti di concessione e attribuzione di importo superiore a mille euro.

Devono essere pubblicati tutti i provvedimenti che dispongano (art. 7 comma 1):

a) la concessione di sovvenzioni, contributi, ausili e sussidi finanziari alle imprese;

b) l’attribuzione di corrispettivi e compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati, ad esclusione dei trattamenti relativi ai rapporti di lavoro dipendente;

c) l’attribuzione di vantaggi economici di qualsiasi genere a enti pubblici e privati.

Il medesimo articolo, ai sensi D.Lgs. 196/2003, stabilisce che “E’ esclusa la pubblicazione dei dati identificativi delle persone fisiche destinatarie dei provvedimenti di cui al presente articolo, qualora da tali dati sia possibile ricavare informazioni relative allo stato di salute ovvero alla situazione di disagio economico-sociale degli interessati” (il provvedimento deve quindi essere pubblicato, ma con i dati identificativi secretati).

Per i provvedimenti di importo superiore a mille euro in un’unica soluzione, la pubblicazione costituisce inoltre condizione legale di efficacia (art. 7 comma 4).

Non è prevista dall’art. 26 del D.Lgs. 33/2013 la pubblicazione dei compensi dovuti dalle amministrazioni, dagli enti e dalle società a imprese e professionisti privati come corrispettivo per lo svolgimento di prestazioni professionali e per l’esecuzione di opere, lavori pubblici, servizi e forniture.

In ogni caso, i compensi comunque denominati relativi al rapporto di lavoro, di consulenza o di collaborazione vengono pubblicati, nella sezione “Amministrazione trasparente”, all’interno delle sotto-sezioni di primo livello “Consulenti e collaboratori” e “Personale”, secondo quanto previsto dall’art. 15, c. 1, lett. d), del d.lgs. n. 33/2013; parimenti, ai sensi dell’art. 37, c. 1, del decreto e dell’art. 1, c. 32, della l. n. 190/2012, è prevista la pubblicazione, nell’ambito della sotto-sezione di primo livello “Bandi di gara e contratti”, delle somme liquidate per lo svolgimento di lavori, servizi e forniture.

Il Comune di Canal San Bovo, vista la disciplina statale, i disposti di cui al recepimento regionale, i procedimenti di cui al Piano triennale 2014-2016 di prevenzione della corruzione del Comune di Canal San Bovo, da esecuzione a tale disposizione mediante pubblicazione degli atti (determinazioni dei responsabili) all'albo telematico on.line del Comune di Canal San Bovo.

Le determinazioni saranno quindi rese disponibili agli utenti per la consultazione, come segue

- per la durata di 30 giorni sull’albo telematico del Comune di Canal San Bovo;

- fino al compimento del 10° anno di pubblicazione sulla sezione “Archivio” dell’Albo telematico stesso.

  • Twitter feed loading...